Facebook Ads: come far crollare il costo delle interazioni a 0,01€

Facebook Ads: come far crollare il costo delle interazioni a 0.01€

Ci vuole calma e sangue freddo [cit.]

Di guide che spiegano come ottimizzare le inserzioni di Facebook ce ne sono a centinaia, ma è pur vero che applicare i consigli e i metodi suggeriti dai vari esperti non è sempre possibile.

Ogni situazione, infatti, è unica nel suo genere e merita una fase di studio cucita su misura, la quale potrebbe facilmente portare a conclusioni del tutto inedite e non applicabili ad altri casi.

Da circa un paio di mesi mi sto cimentando anche io nell’uso dei Facebook Ads e, dopo alcuni tentativi più o meno riusciti, ho finalmente raggiunto uno degli obiettivi che mi ero prefissato: far crollare il costo per interazione a 0,01€ (un centesimo a click) ed ottenere un punteggio di pertinenza pari a 10, come testimoniato da questo screenshot tratto dalla app Inserzioni:

Facebook - Inserzione

In questo articolo, quindi, voglio illustrarvi le varie fasi in cui ho suddiviso il lavoro, partendo dalla definizione degli obiettivi e proseguendo fino al monitoraggio e l’analisi dei risultati.

Analisi del contenuto

Prima di dare il via ad una campagna di sponsorizzazione su Facebook, è innanzitutto necessario avere ben chiare due cose: qual è l’essenza del contenuto che vogliamo presentare agli utenti e quali sono gli obiettivi che desideriamo raggiungere.

Nel mio caso, ad esempio, la sponsorizzazione ha riguardato l’articolo che ho pubblicato la settimana scorsa, intitolato: 10 cose che un Social Media Manager “serio” non fa.

Parliamo, quindi, di un tipo di contenuto sul quale l’utente dovrà investire del tempo e che è rivolto ad una specifica categoria di professionisti, quella rappresentata dai Social Media Manager e da coloro che ricoprono ruoli affini (Community Manager, SM Specialist, etc.).

L’oggetto della campagna, quindi, non è per tutti e richiede un certo tipo di impegno per poter essere pienamente apprezzato. Elementi, questi, che ho dovuto tenere bene a mente.

Scelta degli obiettivi

Come ben sappiamo, nessuna campagna di sponsorizzazione viene fatta per sfizio o piacere personale, ma vive in funzione degli obiettivi che si desiderano raggiungere.

In quanto blogger, il mio obiettivo principale è quello di guadagnare sempre più lettori, nonché far sì che questi inizino a seguirmi su Facebook, LilnkedIn o magari Twitter.

Anche nel caso di quest’ultima inserzione, il mio obiettivo è rimasto sostanzialmente lo stesso, motivo per il quale ho operato le scelte che a breve andremo a vedere.

Specifica dell’obiettivo di marketing

Quello della definizione della campagna e delle sue caratteristiche è il momento più importante dell’intero processo, in quanto è qui che bisogna raccogliere le considerazioni precedentemente fatte e dar loro un senso, ovvero concretizzarle in un’inserzione che sia coerente ed efficace.

Una volta acceduti a Business Manager, dunque, sarà innanzitutto necessario indicare il proprio obiettivo di marketing, scegliendo tra quelli contemplati e messi a disposizione da Facebook:

Facebook Business Manager - Obiettivo di Marketing

Per quanto riguarda le inserzioni che ho confezionato fino ad oggi, ho sempre scelto come obiettivo l’interazione, in quanto è quello che più si avvicina ai risultati che desidero ottenere.

Quanti soldi investire e per quanto tempo deve durare la campagna lo deciderete poi.

Pubblico e posizionamento: la chiave di tutto

Durante i miei esperimenti di questi giorni, ho notato che sono 2 gli aspetti dell’inserzione di cui bisogna avere particolare cura: il pubblico, ovvero quella porzione di utenti alla quale l’inserzione verrà mostrata, e il posizionamento, ossia le diverse aree in cui questa verrà collocata.

Vediamo, quindi, come sono andato a lavorare su questi 2 importantissimi aspetti.

Chi vorrei che vedesse la mia inserzione?

Volendo sintetizzare, viste le particolari proprietà del contenuto da me proposto e gli obiettivi che mi sono dato, ho filtrato il pubblico sulla base delle seguenti caratteristiche:

  • Luoghi: Italia
  • Età: 25 – 44 anni
  • Genere: tutti
  • Lingue: italiano
  • Interessi: Social Media Marketing
  • Titoli professionali: Community Manager, Social Media & Marketing Coordinator, Social Media Community Manager, Social Media Manager, Social Media Marketer, Social Media Marketing Manager, Social Media Marketing Specialist, Social Media Specialist, Social Media Strategist

A queste ho poi aggiunto un ennesimo filtro:

Così facendo, ho detto a Facebook di mostrare la mia inserzione ad un pubblico “nuovo”, ovvero che ancora non conosce il mio blog e che possiede quelle che, a mio parere, sono le tipiche caratteristiche del Social Media “Coso” italiano, in tutte le sue possibili declinazioni.

Facebook Business Manager - Pubblico

Dove vorrei che venisse mostrata la mia inserzione?

A differenza del pubblico, la scelta del posizionamento è stata pressoché immediata. Quello che mi sono domandato, infatti, è stato: “Dov’è che i post sponsorizzati saltano più all’occhio?”.

La risposta, direi quasi scontata, è la sezione “Notizie” di Facebook, in quanto questi vanno “candidamente” a posizionarsi tra i post delle Pagine e quelli degli amici.

Il mio consiglio, dunque, se veramente si desidera abbattere il costo delle interazioni, è quello di limitarsi a mostrare le inserzioni all’interno del news feed di Facebook, ignorando tutto il resto.

Facebook Business Manager - Posizionamento

Monitoraggio e analisi dei risultati

Una volta che la campagna sarà partita, non vi rimarrà che monitorarne i risultati, ovvero controllare se le vostre scelte sono state azzeccate e se l’inserzione dà i frutti che speravate.

È importante sapere che le scelte effettuate in fase di creazione della campagna possono essere modificate in ogni momento e che, come dice il proverbio, “solo gli stupidi non cambiano idea”.

Indi per cui, se dopo le prime 12 – 24 ore doveste accorgervi che la cosa non funziona, riprendete in mano Business Manager e modificate tutto ciò che non va, a partire dal pubblico.

Osservazione e immedesimazione

In conclusione, per far precipitare il costo delle interazioni a 0,01€ non bisogna fare altro che:

  • Avere ben chiare le caratteristiche del contenuto che si intende offrire agli utenti
  • Darsi degli obiettivi concreti e realmente raggiungibili
  • Creare una campagna di sponsorizzazione modellata sul contenuto e sul proprio pubblico
  • Monitorare costantemente i risultati parziali e, quando necessario, apportare modifiche

Sintetizzando ulteriormente, potremmo dire che gran parte del successo di un’inserzione è dovuto a 2 fattori: un’accurata e costante osservazione ed un sano spirito di immedesimazione.

Caratteristiche, queste, che vanno tenute in costante allenamento.

Alla prossima!


Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network ed iscriviti alla Newsletter!

Facebook Ads: come far crollare il costo delle interazioni a 0,01€
4 (80%) 6 votes
bennaker
Seguimi

bennaker

34 anni portati splendidamente. Egotista. Croccante fuori e morbido dentro. Scusate se sono stronzo, ma avete cominciato prima voi.
bennaker
Seguimi

Potrebbero interessarti anche...