Come fare i soldi coi Social manipolando la realtà e ingannando gli utenti

Come fare i soldi coi Social manipolando la realtà e ingannando gli utenti

Analfabetismo funzionale e Social Network

L’espressione “analfabetismo funzionale è una di quelle che, tra televisione, giornali e Web, sentiamo ormai ripetere quotidianamente. Se questo accade è perché, dati alla mano, gli analfabeti funzionali, ovvero tutte quelle persone che non sono in grado di comprendere il senso di ciò che stanno leggendo, nel nostro Paese rappresentano ben il 28% della popolazione.

In pratica, più di un italiano su quattro è incapace di interpretare ed elaborare correttamente le informazioni contenute all’interno di un testo di medio livello, così come può esserlo l’articolo di un quotidiano o il manuale d’istruzioni di un telefono cellulare.

Una situazione a dir poco drammatica, la quale spiana la strada a tutte quelle realtà che, subodorato l’affare, vogliono attivarsi o si sono già attivate nella produzione di contenuti alterati o completamente fittizi, nonché nella diffusione degli stessi attraverso i Social Network.

Ma come si fa a guadagnare dalla pubblicazione di informazioni false o manipolate? E quali sono i metodi attraverso i quali le realtà coinvolte in queste attività, volendo semplificare l’intero processo, riescono a trasformare i like, le condivisioni e i click in moneta sonante?

Partendo da una situazione d’esempio, in questo articolo voglio esplorare insieme a voi i tipici meccanismi che portano a guadagnare soldi e visibilità a chi produce fake news o si diletta, per così dire, nella diffusione di contenuti studiati per ingraziarsi gli utenti più deboli.

“Condividi se hai un cuore!” [cit.]

Mettiamo che io sia il proprietario di un sito di notizie di cronaca e che all’interno degli articoli abbia inserito un certo numero di banner pubblicitari. Ogni volta che uno di questi viene cliccato o anche solo visualizzato da un utente, io ricevo una certa somma di denaro.

Premesso che l’advertising è la mia principale fonte di guadagno, un bel giorno, non contento dei profitti generati dai suddetti banner, decido di attivarmi affinché le visite sul sito aumentino.

Tra le tante possibilità che mi si parano davanti, come quella di aumentare la quantità e/o la qualità degli articoli o quella di ottimizzarli dal punto di vista della SEO, scelgo invece di spingere ancor più sui Social Network e, in particolare, di far sì che la Pagina Facebook collegata al mio sito di notizie arrivi ad un maggior numero di utenti.

A questo punto posso fare due cose:

  • Affidarmi all’advertising di Facebook e sponsorizzare gli articoli che condivido
  • Creare e condividere contenuti che colpiscano ferocemente l’attenzione degli utenti. Che li turbino, li scandalizzino, li sciocchino o che, al contrario, facciano leva su sentimenti come la pietà, la tenerezza, la compassione. Contenuti che non passino inosservati, insomma, e che spingano le persone a interagire mettendo un “Mi piace”, commentando, condividendo o, ancora meglio, cliccando su un link che rimanda al mio sito.

Relativamente a questa seconda ipotesi, potrei, ad esempio, cercare su Google la foto di una ragazzina affetta da un grave handicap, condividerla con la Pagina Facebook del mio sito e allegare alla stessa una didascalia scioccante, tipo: “Mia mamma dice che nessuno mi condividerà perché sono disabile. Metti “Mi piace” mi condividi?”.

Potrei creare un’immagine come questa, ad esempio, tratta da una vera Pagina Facebook:

Facebook - Post acchiappaclick

“Di certo” – penserei – “di fronte ad una ragazzina con questo tipo di problemi, accompagnata da una madre snaturata che le dà addosso in questo modo, chi mai si asterrebbe dal mettere un like o dal condividere la sua foto? Solo una persona senza cuore potrebbe rifiutarsi di farlo!”.

Ecco, quindi, che, in meno di 5 minuti, avrei creato e pubblicato su Facebook un contenuto che, facendo leva sul senso di pietà e sfruttando il fatto che molte persone non sanno distinguere un’informazione reale da una artefatta (ricordate gli analfabeti funzionali?), né si prodigano per verificarlo, avrebbe un’altissima possibilità di diventare virale, portando una enorme visibilità non solo a sé stesso, ma anche alla mia Pagina, nonché al mio sito di notizie.

Così facendo, dunque, non solo non spenderei una Lira (anzi, un Euro) in sponsorizzazioni, ma mi accaparrerei anche un sacco di nuovi fan, i quali mi torneranno estremamente utili nel momento in cui condividerò una delle notizie pubblicate sul mio sito, facendomi guadagnare denaro.

Volendo riassumere il tutto in una pseudo-equazione matematica, potremmo dire che:

+ Interazione = + Visibilità = + Visite sul sito = + Profitti dai banner pubblicitari

Un susseguirsi di cause ed effetti che di per sé non è sbagliato, ma che nell’esempio specifico è generato da un elemento improprio: una falsa informazione. E questo è del tutto inaccettabile.

Di chi è la colpa se certe schifezze proliferano?

Quando si parla di fake news o post “acchiappa-click” in genere, le opinioni si dividono sempre.

C’è chi dice che sfruttare l’ingenuità e l’ignoranza delle persone non implica alcuna colpevolezza, in quanto sono le persone stesse a dover aver cura di difendersi da certe trappole. Quindi, se credi a tutto quello che ti raccontano o che leggi su Internet, il coglione sei te.

Dall’altra parte, invece, c’è chi se la prende con coloro che approfittano di tale situazione per ottenere visibilità e profitto. E tra questi mi ci metto anche io. Se lo faccio, però, non è perché ho particolarmente a cuore la condizione di coloro che, un po’ per mancanza di istruzione, un po’ per mera superficialità, cadono in queste trappole, ma perché chi adotta certe strategie getta in cattiva luce la totalità degli operatori del settore, compresi coloro che si occupano di Social Media Marketing seriamente.

L’invito che voglio rivolgere a tutti qulli che si trovano o si troveranno di fronte a situazioni del genere, dunque, è quello di denunciarle e di farlo in primis attraverso gli strumenti messi a disposizione dalle singole piattaforme social, a partire proprio da Facebook.

E non nascondiamoci dietro al fatto Facebook accoglie una segnalazione su 10. Lo so anche io questo, ma quella singola segnalazione vale i 10 click che è costata.

Perché se è vero che tutti vogliamo un Web migliore, affidabile e realmente utile, allora dobbiamo essere i primi ad attivarci. E questo lo dico in primis a tutti quei professionisti del Social che si riempiono la bocca di buoni propositi, ma, all’atto pratico, di fronte a casi come quello da me descritto, fanno spallucce e si girano dall’altra parte.

Vergognatevi. Siete dannosi tanto quanto. E buon 2018.

Alla prossima!


Se ti è piaciuto questo post, aiutami a condividerlo sui Social Network e iscriviti alla newsletter!

Come fare i soldi coi Social manipolando la realtà e ingannando gli utenti
5 (100%) 11 votes
bennaker
Seguimi

bennaker

35 anni portati splendidamente. Egotista. Croccante fuori e morbido dentro. Scusate se sono stronzo, ma avete cominciato prima voi.
bennaker
Seguimi

Domande? Commenta l'articolo!

Potrebbero interessarti anche...