Social Fixer: lo strumento definitivo per riprendere il controllo di Facebook

Social Fixer: l’estensione definitiva per riprendere il controllo di Facebook

Quando Facebook ti dà la nausea…

C’è stato un momento, tempo fa, in cui ho pensato di cancellarmi da Facebook.

È durato meno di un attimo, ma Dio solo sa quanto fossi determinato a mandare al diavolo il giocattolo di Mark Zuckerberg e il mare di melma che si porta appresso.

Il fatto è che non sopportavo più quel fastidioso senso di nausea provocato dalla continua riproposizione di post vecchi o dal contenuto a dir poco sgradevole.

Quel giorno, poi, passata l’esasperazione iniziale, ho approfittato di quell’impeto per pormi una domanda: “Possibile che non esista un modo per ripristinare l’ordine cronologico dei post e filtrare i contenuti che mi urtano il sistema nervoso?”.

In barba alle poche speranze, la risposta si è ben presto palesata sotto forma di estensione per browser, donandomi non solo un rinnovato entusiasmo, ma anche e soprattutto la possibilità di riprendere il controllo del news feed di Facebook.

Oggi, quindi, voglio spiegarvi come Social Fixer – questo il nome della salvifica estensione – ha notevolmente migliorato il mio rapporto con il social blu.

Social Fixer: per molti, ma non per tutti

Come detto poc’anzi, Social Fixer è un’estensione per browser, ovvero un leggerissimo software che, una volta scaricato e installato, aggiunge specifiche funzionalità al proprio programma di navigazione (Chrome, Safari, etc.).

Una delle cose belle di questa estensione è che, a differenza di altri software simili, non è disponibile solo per Chrome, ma anche per Firefox, SafariOpera.

Dato questo, è importante specificare che Social Fixer non ha alcun effetto sulla app di Facebook o la variante per browser mobile, ma solo sulla versione PC.

A cosa serve Social Fixer

Prima di entrare nel cuore della questione, permettetemi di farvi una piccola confessione: scrivere il titolo di questo articolo è stato estremamente difficile.

Social Fixer, infatti, mette a disposizione dell’utente talmente tante opzioni che diventa complicato riassumere la sua essenza in due sole parole.

Se, però, dovessi stilare una top 3 delle funzionalità di Social Fixer, allora menzionerei quelle che utilizzo con grande soddisfazione da più tempo, ovvero:

1. Filtrare i post in base a numerosi parametri

Autore, età e parole contenute: con Social Fixer è possibile escludere dal proprio news feed tutti i post che non si desidera vedere. Post contenenti keyword specifiche, ad esempio, o magari pubblicati da più di N ore o giorni.

Interessante, a tale proposito, il fatto che Social Fixer permetta di costruire dei filtri personalizzati, nonché di attivare rapidamente alcuni set già preimpostati. Nel mio caso, ad esempio, ho attivato alcuni filtri utili a nascondere i post che parlano de La Casa di Carta, Pokémon GO o contengono la parola spoiler.

Inoltre, visto che Social Fixer permette di creare delle vere e proprie blacklist personali, nella mia ho inserito i nomi di diversi esponenti politici e dei loro partiti, nonché quelli di alcuni personaggi della TV, del cinema e del mondo dello sport.

Social Fixer - Hide Posts

Tutta roba della quale non me ne è mai importato niente e che, prima di scoprire Social Fixer, ero costretto a sciropparmi ogni santo giorno.

2. Ripristinare l’ordine cronologico dei post

Il fatto che l’algoritmo di Facebook sia progettato per mostrarci soprattutto i post degli amici e delle pagine con cui interagiamo più spesso non significa che un utente debba per forza rassegnarsi all’idea di vedere sempre e solo quelli. Io non ci sto!

Ecco perché, tra le tante opzioni messe a disposizione da Social Fixer, ho deciso di attivare quella che ripristina permanentemente l’ordine cronologico dei post mostrati nel news feed, in modo da avere sotto agli occhi contenuti sempre nuovi.

Social Fixer - General

Tra l’altro, il fatto che questa specifica funzione si trovi all’inizio della scheda “General” ci fa capire quanto gli utenti siano portati a utilizzarla… E lo credo bene!

3. Scoprire chi ti ha tolto dagli amici e quando

Grazie a Social Fixer, ogni volta che uno dei miei amici di Facebook cambia nome, sospende il suo account, si cancella dalla piattaforma o mi toglie l’amicizia, vengo avvisato in tempo reale attraverso una notifica.

Social Fixer - Friend Changes

Magari vi sembrerà una cavolata, ma vi è mai capitato di aver bisogno di contattare con urgenza un vostro amico di Facebook e non riuscire a trovarlo perché, senza che vi dicesse nulla, ha cancellato/sospeso il suo account o cambiato nome?

A me è successo un sacco di volte, ma sono ancor più quelle in cui qualcuno mi ha tolto l’amicizia dall’oggi al domani. Non che la cosa mi addolori più di tanto, ma conoscere il momento in cui ha deciso di farlo mi è comunque comodo.

Mille modi di personalizzare Facebook

Dato che non è mia abitudine lasciare le cose a metà, eccovi un breve elenco di tutte le altre funzioni messe a disposizione da questa preziosa estensione:

  • Nascondere i post sponsorizzati;
  • Nei commenti, far sì che premendo il tasto Invio il cursore vada a capo;
  • Marcare i post come “già letti”, così che non compaiano più nel news feed;
  • Ricevere una notifica quando chi non è tra i nostri amici ci scrive in privato;
  • Modificare l’interfaccia di Facebook iniettando codice CSS personalizzato;
  • Nascondere porzioni delle colonne sinistra e destra dell’interfaccia;
  • Cambiare il formato della data di pubblicazione dei post e dei commenti;
  • Navigare in modalità Stealth, ovvero visualizzando una versione di Facebook in cui tutte le funzioni di interazione (“Mi piace”, commenta, etc.) sono disattivate.

Di roba, come vedete, ce n’è davvero tanta e io stesso non ho ancora trovato il tempo per testarla tutta. Magari potrei provare a smettere di dormire…

Certo del fatto che un utilizzo più consapevole di Facebook non possa che farvi bene, non mi rimane che salutarvi e invitarvi a installare quanto prima Social Fixer.

Alla prossima!


Se ti è piaciuto questo post, condividilo sui Social e iscriviti alla newsletter!

Simone Bennati

Domande? Commenta l'articolo!

Potrebbero interessarti anche...