Pagine Facebook: come ho ottenuto il +75% di engagement eliminando i fan “inutili”

Vuoi far decollare la tua Pagina Facebook? Elimina i fan "inutili"!

Facebook fan: meglio pochi, ma buoni

Come si misura il successo di una pagina Facebook lo sappiamo tutti: se i fan e l’interazione crescono, significa che la strategia scelta sta funzionando ed è vincente.

È altrettanto vero, però, che una strategia è davvero vincente quando dimostra un’alta capacità di adattamento, ovvero quando è in grado di adeguarsi ai cambiamenti mantenendo inalterata la continuità di rendimento.

È proprio con l’intento di mantenere questo rendimento che, all’inizio di agosto, ho deciso di mettere mano alla Pagina Facebook di Bennaker.com e di togliere il like dato da tutti quei fan che, per un motivo o per l’altro, ho etichettato come inutili.

Oggi, a più di 2 mesi di distanza, posso dire che questa scelta si è dimostrata più che azzeccata, in quanto ha portato non solo a un aumento dell’engagement e dei click sui link, ma anche a un significativo incremento del tasso di crescita dei fan.

Vi spiego, quindi, qual è stato il procedimento che ho seguito…

Togliere il like ai fan: perché no?

Tutto ha avuto inizio la notte del 5 agosto scorso, quando, scorrendo l’elenco dei fan della pagina Facebook di Bennaker.com, mi sono accorto che alcuni degli utenti in lista erano talmente fuori target da risultare quasi imbarazzanti.

Di lì a poco, quindi, ho preso quella che forse è la decisione più difficile per un amministratore: eliminare i propri fan, scegliendo quelli che non convincono.

Dopo circa 3 ore di lavoro e oltre 400 profili visionati, la mia Pagina era passata dall’avere 745 fan ad averne solo 575, pari a circa il 23% in meno.

Bennaker.com - Crollo dei Like

La situazione riportata dal grafico è piuttosto impressionante, non trovate?

A proposito: se non sapete come vedere la lista dei fan della vostra Pagina Facebook, tempo fa ho pubblicato questa semplice guida sul blog di MetUp.

Quali tipi di utenti ho rimosso

Chiarito qual è stato il procedimento che ho adottato, vediamo, ora, quali sono stati i criteri in base ai quali ho separato i fan buoni da quelli cattivi.

Volendo sintetizzare, potrei dire che la maggior parte degli utenti che ho deciso di rimuovere era composta da:

  • Amici che avevano messo “Mi piace” alla Pagina solo perché spinti da un sincero sentimento di amicizia. Bello, ma del tutto inutile ai fini dell’engagement
  • Amici di amici, i quali avevano risposto positivamente ad appelli del tipo: “Hey, ragazzi! Il mio amico Simone ha aperto la Pagina del suo blog! Sotto con i like!”
  • Utenti che non sembravano essere in alcun modo interessati a materie come il Social Media Marketing, l’Advertising e tutto ciò che riguarda il mondo digitale

Ma perché ho scelto di privarmi di questi specifici fan e non di altri?

La risposta è racchiusa nel modo in cui l’algoritmo di Facebook gestisce la visibilità dei contenuti, il quale fa sì che i fan che non interagiscono coi post rappresentino un vero e proprio ostacolo alla crescita di una pagina.

Eliminandoli, quindi, si fa sì che i post non compaiano più nel loro news feed, ma finiscano in quello dei fan buoni, ovvero quelli a cui i certi temi interessano davvero.

Bennaker.com dopo il taglio

A due mesi esatti dalla notte in cui ho stravolto la fanbase di Bennaker.com, ho deciso di andare a vedere se la mia scelta aveva dato i frutti che speravo.

Quello che segue è il report nel quale ho riportato, confrontandoli, i numeri macinati dalla pagina a maggio (prima del taglio) con quelli di settembre (dopo il taglio):

Bennaker.com - Report

A fronte di un’ovvia diminuzione del numero totale di fan, il taglio degli stessi ha fatto sì che il tasso di crescita della fanbase si stabilizzasse intorno allo 0,73%, ovvero quasi un nuovo fan al giorno. Un valore che potremmo considerare ridicolo, ma che merita di essere analizzato tenendo conto di 3 fattori:

  • Non investo nell’advertising di Facebook
  • Non invito gli amici a mettere “Mi piace” alla pagina
  • Non tratto argomenti mainsteram, come i viaggi, il food e la moda

Fidatevi se vi dico che guadagnare quasi un nuovo fan al giorno con un blog che parla di Digital Marketing in lingua italiana è grasso che cola…

Guardando all’engagement, invece, i click sul singolo post sono aumentati del 63%, mentre le interazioni hanno ottenuto un incremento pari al 76%.

Sono risultati che hanno superato ogni mia più rosea aspettativa e che dimostrano che eliminare i fan inutili fa bene alla crescita di una pagina.

Il taglio: per molti, ma non per tutti

Prima di salutarci, permettetemi di darvi un paio di indicazioni utili:

  • Prendersi cura della fanbase è qualcosa che un amministratore deve fare sin dal primo momento, pena il non riuscire più a recuperare la situazione. Se per esaminare 400 profili ci ho messo 3 ore, immaginatevi quanto ci si potrebbe mettere ad analizzarne migliaia.
  • Se si gestisce una Pagina Facebook generalista, selezionare gli utenti ai quali togliere il like diventa un’impresa quasi impossibile. Nonostante questo, è comunque possibile eliminare i profili fake, gli amici supporter e tutti coloro che sono arrivati lì perché intercettati da una campagna di sponsorizzazione mal strutturata.

Se saprete investire nella cura della vostra fanbase, tagliando i rami secchi ed effettuando condivisioni mirate, non potrete che ottenere il massimo possibile.

Alla prossima!


Se ti è piaciuto questo post, condividilo sui Social e iscriviti alla newsletter!

Simone Bennati

Domande? Commenta l'articolo!

Potrebbero interessarti anche...